Contrabbandieri e corsari napoletani nella Rivoluzione di Corsica

Contrabbandieri e corsari napoletani nella Rivoluzione di Corsica

Emiliano Beri, Contrabbandieri e corsari napoletani nella Rivoluzione di Corsica (1757-1768), D'Amico editore, Nocera Superiore 2020, pp. 120

Maggiori dettagli


12,00 €

12 articoli disponibili

Dal 1729 al 1768 la Corsica è stata attraversata da una serie pressoché continua di sollevazione contro il dominio genovese. In un contesto insulare lo sforzo bellico dei sollevati è dipeso dai rifornimenti ottenuti attraverso il contrabbando marttimo, grazie a una variegata costellazione di attori internazionali. Nell'ultima fase del conflitto, quella più marcatamente rivoluzionaria - quella in cui la sollevazione contro Genova è diventata generale, ed è stata vittoriosa - la caratterizzazione del contrabbando marittimo è cambiata: la variegata costellazione di attori ha lasciato il posto ad un unico protagonista, la marineria napoletana. Non solo, nel momento in cui la sollevazione è diventata rivoluzione, il conflitto, fino a quel momento combattuto esclusivamente in terra, si è esteso al mare, nella forma dell'azione corsara contro i bastimenti mercantili genovesi. E anche qui, nella nuova dimensione marittima del conflitto. la marineria napoletana è stata protagonista, con non pochi contrabbandieri che si sono messi al servizio della causa rivoluzionaria come corsari.