Antonio Alosco, I socialfascisti

Antonio Alosco, I socialfascisti

Antonio Alosco, I socialfascisti. Continuità tra socialismo e fascismo, D'Amico editore, Nocera Superiore, 2021, pp. 170







Maggiori dettagli


16,00 €

8 articoli disponibili

Dopo la caduta del regime fascista e la fine della guerra, la storiografia ufficiale e la propaganda partitica antifascista hanno accreditato la tesi che il socialismo e il fascismo fossero agli antipodi sotto tutti gli aspetti: culturale, politico, di comportamento. Basandosi su una vasta documentazione non di rado inedita, l’Autore del saggio dimostra invece che tra socialismo e fascismo non vi fu affatto una cesura insormontabile, e che anzi molte delle idee e dei programmi socialisti trovarono pratica applicazione durante il regime. In quest’ottica non vi fu solo una sostanziale intesa programmatica tra fascismo delle origini (Fasci di Combattimento) e socialismo, ma ma continuità anche durante il regime al potere. Prova irrefutabile ne è l’adesione della stragrande maggioranza dei dirigenti socialisti di primo piano al fascismo e al suo Duce, al cui confronto gli antifascisti socialisti fuoriusciti all’estero appaiono un’infima minoranza del tutto trascurabile. L’iscrizione al Partito Nazionale Fascista o la collaborazione con il regime fascista e il corporativismo - il caso più eclatante è costituito dalla Confederazione Generale del Lavoro (CGL) - fu dunque determinato da profonde convinzioni ideali. Attraverso la ricostruzione di esemplari biografie, l’Autore intende ristabilire di tale vicenda la verità storica, avulsa dalla vulgata interessata dei vincitori.

Carrello  

Nessun prodotto

Spedizione 0,00 €
Totale 0,00 €

Check out