Diario della sollevazione di Napoli 1647-1648

Diario della sollevazione di Napoli 1647-1648

Giuseppe Campanile, Innocenzo Fuidoro (Vincenzo D'Onofrio), Diario della sollevazione di Napoli 1647-1648. Da Masaniello alla "Reale Repubblica" Napoletana a cura di Gianandrea de Antonellis, D'Amico editore, Nocera Superiore 2022, pp. 302.

Maggiori dettagli


20,00 €

10 articoli disponibili

«Teorico sostenitore della nobiltà fu anche Giuseppe Campanile, membro di due Accademie [...], moralista di minor grazia e cronista dei fatti con prospettive aristocratiche, anche se, come Capecelatro o Piacente, fu abbastanza indipendente da attribuire agli abusi dei ceti più elevati le origini sociali della rivolta. [...] E proprio nel corso dell’insurrezione che Campanile si dimostrò fedele al suo re, come testimonia il Diario circa la sollevadone della plebe di Napoli ne gl’anni 1647 e 1648, manoscritto conservato nella Biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria con note aggiuntive di Innocenzo Fuidoro. Nel suo Diario racconta che distribuiva alla frangia ribelle i manifesti di don Giovanni d’Austria e che cospirava con alcuni “vassalli fedeli al Re, dei quali io era il minimo” nelle celle del priore del convento di San Giovanni a Carbonara, mettendo a repentaglio la propria incolumità durante la prigionia, da cui fu liberato il 1° febbraio 1648 in virtù della sua condizione di sacerdote».

Francisco Elias de Tejada